17
01/17

Avviso pubblico ISI 2016

Finanza

FINALITA’

Incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro.

REQUISITI GENERALI DEI DESTINATARI

Imprese ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Cciaa, con i seguenti requisiti:
  • essere attiva nel territorio di questa Regione/Provincia autonoma l’unità produttiva per la quale intende realizzare il progetto
  • essere iscritta nel Registro delle Imprese o all’Albo delle Imprese Artigiane;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura concorsuale;
  • essere assoggettata ed in regola con gli obblighi assicurativi e contributivi;
  • non aver chiesto, né aver ricevuto, altri contributi pubblici sul progetto oggetto della domanda (non costituisce causa di esclusione l’accesso ai benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito, quali quelli gestiti dal Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese);
  • non aver già ottenuto il provvedimento di ammissione al contributo per uno degli Avvisi pubblici INAIL ISI 2013, 2014, 2015 e INAIL FIPIT 2014

PROGETTI AMMESSI A CONTRIBUTO

1. PROGETTI DI INVESTIMENTO (Ristrutturazione o modifica degli ambienti di lavoro, Acquisto di macchine, dispositivi, Istallazioni)
2. PROGETTI PER L’ADOZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE
3. PROGETTI DI BONIFICA DA MATERIALI CONTENENTI AMIANTO
Possono presentare i progetti di cui ai punti 1., 2. e 3. le imprese, anche individuali aventi i requisiti sopra descritti ad esclusione di:
  • micro e piccole imprese, anche individuali, che svolgono attività classificate con uno dei seguenti codici ATECO 2007: 56.10.11, 56.10.12, 56.10.20, 56.10.30, 56.10.41, 56.10.42, 56.10.50, 56.21.00, 56.29.10, 56.29.20, 56.30.00, 47.11.40, 47.29.90;
  • micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli
4. PROGETTI PER MICRO E PICCOLE IMPRESE OPERANTI IN SPECIFICI SETTORI DI ATTIVITÀ (Ristrutturazione o modifica degli ambienti di lavoro, Acquisto di attrezzature da lavoro)
Possono presentare i progetti di cui al punto 4. le micro e piccole imprese, anche individuali aventi i requisiti sopra descritti che svolgono esclusivamente le attività classificate con uno dei seguenti codici ATECO 2007: 56.10.11, 56.10.12, 56.10.20, 56.10.30, 56.10.41, 56.10.42, 56.10.50, 56.21.00, 56.29.10, 56.29.20, 56.30.00, 47.11.40, 47.29.90.
Le imprese possono presentare un solo progetto riguardante una sola unità produttiva e una sola tipologia tra quelle sopra indicate.

RISORSE DISPONIBILI

Lo stanziamento per la Regione Puglia è pari a 10.245.087 Euro di cui:
  • 6.517.818 Euro per i progetti di investimento ed i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • 2.793.350 Euro per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
  • 993.919 per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività

CONTRIBUTO RICHIEDIBILE

I contributi oggetto del presente Avviso sono concessi con procedura valutativa a sportello.
Il contributo, in conto capitale, è pari al 65% delle spese ammesse.
Per i progetti della tipologia 1., 2., e 3., il contributo erogabile è pari a:
  • massimo a € 130.000
  • minimo a € 5.000 (non applicabile per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di contributo)
Per i progetti di cui al punto 4. il finanziamento erogabile è pari a:
  • massimo 50.000,00 Euro
  • minimo 2.000,00 Euro.

SPESE AMMESSE A CONTRIBUTO

Sono ammesse a contributo le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza, nonché le eventuali spese tecniche.
Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data del 5 giugno 2017.
Non sono ammesse a contributo le spese relative all’acquisto o alla sostituzione di:
  • dispositivi di protezione individuale ai sensi dell’art. 74 del D. Lgs 81/2008 con alcune eccezioni;
  • veicoli, aeromobili e imbarcazioni non compresi nel campo di applicazione del D. Lgs 17/2010;
  • hardware, software e sistemi di protezione informatica fatta eccezione per quelli dedicati all’esclusivo funzionamento di impianti o macchine oggetto del progetto di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza;
  • mobili e arredi (scrivanie, armadi, scaffalature fisse, sedie e poltrone, ecc.);
  • ponteggi fissi.
  • trasporto del bene acquistato;
  • sostituzione di macchine di cui l’impresa richiedente il contributo non ha la piena proprietà;
  • ampliamento della sede produttiva con la costruzione di un nuovo fabbricato o con ampliamento della cubatura preesistente;
  • consulenza per la redazione, gestione ed invio telematico della domanda di contributo;
  • adempimenti inerenti alla valutazione dei rischi di cui agli artt. 17, 28 e 29 del D. Lgs 81/2008 e s.m.i.;
  • interventi da effettuarsi in luoghi di lavoro diversi da quelli nei quali è esercitata l’attività lavorativa al momento della presentazione della domanda;
  • manutenzione ordinaria degli ambienti di lavoro, di attrezzature, macchine e mezzi d’opera;
  • adozione e/o certificazione e/o asseverazione dei progetti di tipologia 2 (progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale) relativi ad imprese senza dipendenti o che annoverano tra i dipendenti esclusivamente il datore di lavoro e/o i soci;
  • compensi ai componenti degli Organismi di vigilanza nominati ai sensi del D. Lgs 231/2001;
  • acquisizioni tramite locazione finanziaria (leasing);
  • acquisto di beni usati;
  • acquisto di beni indispensabili per avviare l’attività dell’impresa;
  • costi del personale interno: personale dipendente, titolari di impresa, legali rappresentanti e soci;
  • costi autofatturati.
Nel caso di vendita o permuta di macchine sostituite nell’ambito del progetto di finanziamento il 65% del contributo a carico dell’INAIL verrà decurtato della somma pari alla differenza tra l’importo realizzato con la vendita (o con la permuta) e quello della quota parte del progetto a carico dell’impresa (pari al 35% dell’importo del progetto).
Nel caso in cui l’importo ricavato dalla vendita (o dalla permuta) sia inferiore o pari alla quota parte del progetto a carico dell’impresa (35% dell’importo del progetto) non verrà effettuata alcuna decurtazione.

MODALITÀ ACCESSO

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti 3 fasi successive:
  1. accesso alla procedura on line e compilazione della domanda - dal 19 Aprile 2017 ed inderogabilmente fino alle ore 18,00 del giorno 5 Giugno 2017
  2. invio della domanda on line - le date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande, saranno pubblicati sul sito www.inail.it a partire dal 12 giugno 2017.
  3. invio della documentazione a completamento della domanda.
     

CRITERI DI PRECEDENZA A PARITA’ DI POSIZIONE

Nel caso di ex aequo delle domande collocate nell’ultima posizione degli elenchi cronologici utile per l’ammissibilità al contributo l’ordine viene stabilito secondo i seguenti criteri da applicarsi nella sequenza sotto indicata:
  • contributo richiesto minore;
  • importo del progetto maggiore;
  • data iscrizione alla CCIAA meno recente;
possesso del rating di legalità di cui al Decreto MEF-MISE 20/2/2014 n. 57 per le imprese con fatturato superiore a 2 milioni di euro.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

Il progetto deve essere realizzato (e rendicontato) entro 12 mesi (365 giorni) decorrenti dalla data di ricezione della comunicazione di esito positivo della verifica tecnico-amministrativa.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Avviso pubblico ISI 2016, Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, in attuazione dell’articolo 11, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81 “Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro” e successive modifiche e integrazioni.


Torna indietro

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter